Logo Università degli Studi di Milano


Dipartimento di

 
 
Notizie  

Acque, inondazioni, disastri idrici

Un particolare della tela di Enea Salmeggia che rappresenta Gromo all'inizio del XVII secolo

Acque, inondazioni, disastri idrici. Casi di studio e riflessioni metodologiche sull’Italia settentrionale fra medioevo ed età moderna
Università degli Studi di Milano
Giovedì 3 ottobre 2019

La ricerca storica ha da molto tempo posto l’attenzione sull’importanza della gestione delle risorse idriche in età medievale e moderna, specialmente per l’area lombarda e padana che, a partire dal XII-XIII secolo, fu interessata da un poderoso processo di ‘riorganizzazione’ delle acque, bonifica e scavo di rogge e canali, ulteriormente incrementato in età moderna.

Meno indagato risulta invece un secondo aspetto, quello relativo alla portata distruttiva delle acque e alle conseguenze provocate da alluvioni e disastri idrici sulle strutture sociali, istituzionali ed economiche dei territori interessati da simili minacce.

Scopo di questa giornata di studi, organizzata da Giuliana Albini, Alice Raviola e Fabrizio Pagnoni nell'ambito della programmazione didattica del Dottorato di ricerca in Studi storici, è indagare questi aspetti su un arco cronologico lungo, che abbracci il medioevo e la modernità, dal Trecento al Settecento, con uno sguardo dedicato alla Lombardia e alle aree contermini.

La giornata seminariale, organizzata nell’ambito delle attività di STORIA&DISASTRI (Seminario permanente interistituzionale di ricerca per lo studio storico e comparato di disastri relazionati a minacce di origine naturale e biologica) coinvolgerà storici, storici dell'arte e altri esperti provenienti dalle principali università italiane, che si confronteranno su una varietà di aspetti, dall’analisi di singoli “casi fluviali” come il Po o i fiumi lombardi e veneti, al tema della gestione del rischio idrico, alle inondazioni "provocate" per ragioni strategico-militari, alle ricadute economiche e istituzionali delle alluvioni.

Programma

Giuliana Albini (Università degli studi di Milano)
Il disordine delle acque: eventi naturali e interventi di controllo in Emilia occidentale (XIV-XV secolo).

Riccardo Rao (Università degli studi di Bergamo)
Inondazioni, controllo delle acque e paesaggi rurali nell’area del Sesia

Fabrizio Pagnoni (Università degli studi di Milano)
Inondazioni artificiali: acqua e tattica militare nel medioevo

Alice Raviola (Università degli studi di Milano)
Piene, ghiare e isoloni: gestire il Po nella prima età moderna

Fabrizio Costantini (Archivio Bergamasco)
Confini fluviali, esondazioni, controllo istituzionale: i casi di Cremona e Pavia in età moderna

Massimo Galtarossa (Università di Padova) e Laura Genovese (ICVBC - Istituto per la Conservazione e la Valorizzazione dei Beni Culturali del CNR)
Padova e le sue acque nella prima età moderna

Remy Simonetti (Università di Padova)
Il Piave: esondazioni e ricadute economico sociali in età medievale

Letizia Barozzi (storica dell’arte, Museo Diocesano di Ancona)
Uso delle immagini e pratiche devozionali legate ad alluvioni e disastri idrici

Partecipano alla tavola rotonda: Giacomo Demarchi, Giorgio Dell’Oro, Giulia Giannini, Mario Moiraghi, Franco Obezzi.

03 ottobre 2019
Torna ad inizio pagina