Logo Università degli Studi di Milano


Dipartimento di

 
 
Notizie  

Bookcity 2014, le iniziative del Dipartimento di Studi storici

Nell'ambito della manifestazione culturale promossa dal Comune di Milano in programma dal 13 al 16 novembre, il nostro Dipartimento e la Biblioteca di Scienze della storia organizzano e ospitano numerosi eventi di cui riportiamo qui di seguito l'elenco.

 

Giovedì 13 novembre 2014

Centri di ricerca e Collane di storia

Presentazione dei Centri che afferiscono al Dipartimento di Studi storici
Biblioteca “Raffaele Mattioli” per la storia del pensiero economico
Centro interdipartimentale di storia della Svizzera “Bruno Caizzi”
Centro interdipartimentale MIC Moda Immagine Consumi
Centro interuniversitario di studi “Le polizie e il controllo del territorio”
Centro per gli studi di politica estera e opinione pubblica
Seminario per la storia delle donne e dell’identità di genere

Presentazione delle collane che afferiscono al Dipartimento di Studi storici
“Collana del Centro per gli studi di politica estera e opinione pubblica” (Unicopli)
“Fonti di Storia ecclesiastica lombarda” (Unicopli)
“Fonti e documenti dell’Inquisizione (secoli XIII-XVI)” (Cisam)
“Moda Immagine Consumi” (Skira)
“Stato, esercito e controllo del territorio” (Rubbettino)
“Studi di Storia del Cristianesimo e delle Chiese Cristiane” (Edizioni Biblioteca Francescana)
“Studi e ricerche storiche” (Franco Angeli)

Con Livio Antonielli, Marina Benedetti, Carlo Capra, Giorgio Chittolini, Claudia Di Filippo, Germano Maifreda, Grado Giovanni Merlo, Silvia Pizzetti, Emanuela Scarpellini. Coordina Maria Luisa Betri.
Biblioteca di Scienze della storia e della documentazione storica, Dipartimento di Studi Storici, via Festa del Perdono 7, giovedì 13 novembre, ore 11.

 

La storia d’Italia attraverso le prima pagina dei giornali

Nuccio Ordine e Gian Antonio Stella presentano il volume di Pier Luigi Vercesi, Ne ammazza più la penna (Sellerio, Palermo 2014).
Biblioteca di Scienze della storia e della documentazione storica, Dipartimento di Studi Storici, via Festa del Perdono 7, giovedì 13 novembre, ore 13.

 

Lo storico e la battaglia. Fare storia militare oggi

Guerre e battaglie nella storia medievale e moderna.
Con Gastone Breccia, Alessandro Buono, Gianclaudio Civale, Paolo Grillo.
Coordina Livio Antonielli.
Biblioteca di Scienze della storia e della documentazione storica, Dipartimento di Studi Storici, giovedì 13 novembre, ore 15.

 

Libri sui libri

Presentazione delle collane dedicate alla storia dell’editoria “Studi e ricerche di storia dell’editoria” (Franco Angeli) e “L’Europa del libro. Editoria e cultura in età moderna e contemporanea” (Edizioni Unicopli).
Con Edoardo Barbieri, Alberto Cadioli, Isabella Francisci, Ada Gigli Marchetti, Giorgio Montecchi, Irene Piazzoni, Marzio Zanantoni.
Coordina Lodovica Braida.
Biblioteca di Scienze della storia e della documentazione storica, Dipartimento di Studi Storici, giovedì 13 novembre, ore 17.

 

Venerdì 14 novembre 2014

I 75 anni del Patto Molotov-Ribbentrop e il riproporsi di crisi nell’Europa Orientale

Il volume Il Patto Ribbentrop-Molotov: l’Italia e l’Europa. 1939-1941, Aracne, 2013, a cura di Alberto Basciani, Antonio Macchia e Valentina Sommella, ripropone gli atti di un importante convegno svoltosi a Roma il 31 maggio-1 giugno 2012, che ha riunito alcuni fra i migliori specialisti italiani e stranieri di storia contemporanea e dell’Europa Centrale e Orientale, per tracciare un quadro degli eventi che hanno innescato la Seconda Guerra mondiale. In un momento in cui davanti alla crisi ucraina si ripropone il discorso dell’Europa – delle sue fragilità, ma anche delle sue risorse per superare la crisi interna ed esterna che ne minaccia gli equilibri – è importante riflettere sul passato con uno sguardo all’intero nostro continente, che dopo la fine della Guerra fredda, la dissoluzione dell’URSS, l’allargamento ad Est dell’Unione Europea deve affrontare un processo di integrazione e di ricerca di nuovi approcci in politica internazionale. Non si tratta tanto di andare alla ricerca di analogie con l’epoca a noi contemporanea, usando la lente storica applicata al caso specifico del Patto del ‘39, quanto piuttosto, tenendo presente quanto accaduto alla vigilia del secondo conflitto mondiale e in occasione di quell’Accordo dalle imponenti conseguenze, di individuare dinamiche tipiche e regolarità profonde che possano ancora essere utili per comprendere quanto sta accadendo nell’Europa Orientale in particolare e nell’Europa nel suo complesso in generale. Ne parleranno Federigo Argentieri (John Cabot University), Giulia Lami (Università degli Studi di Milano), Bianca Valota (Président d’honneur della Commission Internationale des Etudes Historiques Slaves del Comité International des Sciences Historiques), Alessandro Vitale (Università degli Studi di Milano) in occasione della presentazione del libro Il Patto Ribbentrop-Molotov: l’Italia e l’Europa. 1939-1941 (Aracne, Roma 2013).
Parteciperanno gli studenti dei corsi di Storia dei Paesi slavi e di Storia dell’Europa orientale, di Analisi della politica estera e di Relazioni internazionali, coordinati da Giovanni Moretto, Elia Rosati, Samuele Tieghi.
Con Federigo Argentieri, Giulia Lami, Bianca Valota, Alessandro Vitale.
Biblioteca di Scienze della storia e della documentazione storica, Dipartimento di Studi Storici, venerdì 14 novembre, ore 11.

 

“Di nostro ufficio et per lo pubblico interesse”. Esperimenti di welfare a Milano tra Rinascimento e età dei lumi

Legata al processo di valorizzazione storica dell’antico complesso monumentale dell’Ospedale Maggiore una tavola rotonda dedicata alle politiche di tutela e di controllo della salute e del benessere della popolazione di Milano tra Quattrocento e Settecento, con particolare attenzione alle sperimentazioni introdotte dal tribunale di Sanità, in parte poggiando su consuetudini locali di lunga tradizione, in parte ispirandosi a modelli esteri che, reinventati, conducono a soluzioni originali e innovatrici, aprendo le porte al welfare contemporaneo.
Tre gli interventi programmati: Gli abitanti di Milano da Leonardo a don Rodrigo, di Francesca Vaglienti; La registrazione clinica in età pre-statistica e i Registri dei Morti di Milano, di Elia Biganzoli e Il Tribunale di Sanità. Efficienza e inefficienza di una rete istituzionale capillare in età moderna, Livio Antonielli.
Biblioteca di Scienze della storia e della documentazione storica, Dipartimento di Studi Storici, venerdì 14 novembre, ore 15.

Visita guidata da Francesca Vaglienti del percorso permanente inaugurato lo scorso 4 novembre nel complesso della Ca’ Granda venerdì 14 novembre alle ore 10,30, Università degli Studi di Milano, via Festa del Perdono, n 7 (prenotazione obbligatoria).

 

Il lungo Settecento alle origini dell’Italia contemporanea

Carlo Capra nel suo ultimo libro propone di capovolgere la famosa frase attribuita a Massimo d’Azeglio, “L’Italia è fatta, bisogna fare gli italiani”, sostenendo che gli italiani in qualche misura almeno dovevano essere fatti, e furono fatti prima dell’Italia. Una tappa essenziale di questo percorso, troppo trascurata dalla storiografia risorgimentale vecchia e nuova, furono i 130 o 140 anni che separano la fine della Controriforma dal crollo dell’Impero napoleonico, anni di crescita demografica e in parte anche economica, di modernizzazione istituzionale e culturale e, nel segmento finale, di definizione di una piattaforma politica unitaria e costituzionale.
Marco Meriggi e Marcello Verga presentano il libro di Carlo Capra, Gli italiani prima dell’Italia. Storia di un lungo Settecento (1680-1815), Carocci, Roma 2014.
Sala Napoleonica, Palazzo Greppi, via S.Antonio 10, venerdì 14 novembre, ore 15.

 

Le voci degli editori. Un viaggio nell’editoria italiana di ieri e di oggi

Incontro con editori eredi di editori. In un momento di grandi trasformazioni nel mondo del libro, le “voci” degli editori del Novecento ci raccontano la storia culturale del nostro Paese. Ascolteremo le loro parole, attraverso documenti e testi scelti dai loro figli e nipoti. Sono frammenti di memoria che fanno rivivere pagine importanti della cultura italiana nel “secolo breve”. Insieme, quelle “voci” sono un archivio culturale vitale, una memoria ricca di fermenti per il presente e per il futuro che non vogliamo dimenticare. E che soprattutto a Milano, capitale dell’editoria italiana, sono fondamentali per capire le grandi trasformazioni in atto.
Con Ginevra Bompiani, Luca Formenton, Giuseppe Laterza, Luigi Spagnol, Olivia Sellerio. Coordinano Lodovica Braida e Giovanna Rosa, letture recitate da Paolo Sacerdoti.
Sala Napoleonica, Palazzo Greppi, via S. Antonio 10, venerdì 14 novembre, ore 17.

 

Sabato 15 novembre 2014

Lezioni di indisciplina

Un simposio di performance multiformi: scrittori, musicisti, economisti, poeti, esponenti del mondo accademico, storici dell’arte, compositori, filosofi si avvicenderanno sul palcoscenico parlando di arte ed economia, dei punti di contatto tra le due discipline e di come la differenza tra di loro sia solo eventuale, perché entrambe riconducibili all’essenzialità del gesto.
In questa edizione di Lezioni di Indisciplina alcuni docenti universitari si confronteranno sui carattere e sullo spirito del capitalismo e su alcuni dei suoi teorici attraverso la presentazione dei volumi di Pierangelo Dacrema, Marx e Keynes. Un romanzo economico (Jaca Book, Milano 2014) e di Veronica Ronchi, Voci del capitalismo (Mimesis, Milano 2014).
Con Pierangelo Dacrema, Renato Mannheimer, Quirino Principe, Veronica Ronchi, Andrea G. Pinketts.
Performance sul capitalismo a cura di Grace Zanotto, KO Mannarelli, Michelangelo Jr. Fotografia: Fabrizio Garghetti. 
Aula 113 via Festa del Perdono 7, sabato 15 novembre ore 15.

 

06 novembre 2014
Torna ad inizio pagina