Logo Università degli Studi di Milano


Dipartimento di

 
 
Notizie  

Il «pericolo protestante» / di Paolo Zanini

Il «pericolo protestante» / di Paolo Zanini

Ridestatosi dopo la Rivoluzione francese, l’antiprotestantesimo fu uno dei tratti caratterizzanti dell’ideologia del cattolicesimo intransigente ottocentesco. Nel contesto italiano esso diventò uno dei motivi ricorrenti della polemica reazionaria durante il Risorgimento e all’indomani dell’Unità. Attenuatasi verso la fine del secolo, l’offensiva antiprotestante del mondo cattolico italiano riprese in occasione della crisi modernista, divenendo serrata dopo la Prima guerra mondiale. E fu proprio nel periodo compreso tra i primi anni Venti e la metà degli anni Cinquanta – l’epoca che questo volume indaga più direttamente – che l’ostilità della Chiesa cattolica nei confronti della presenza e dell’attività delle confessioni protestanti in Italia assunse una particolare rilevanza, riuscendo a incidere profondamente sull’atteggiamento degli apparati dello Stato e sulla stessa legislazione in materia di libertà religiosa.

Paolo Zanini, Il «pericolo protestante». Chiesa e cattolici italiani di fronte alla questione della libertà religiosa (1922-1955), LeMonnier/Mondadori Education, Segrate 2019, pp. 304.

 

30 ottobre 2019
Torna ad inizio pagina