Logo Università degli Studi di Milano


Dipartimento di

 
 
Notizie  

La mobilità sociale nel Medioevo italiano / a cura di A. Gamberini

La mobilità sociale nel Medioevo italiano

L’ipotesi di ricerca che il volume sottopone a verifica individua nei primi decenni del Trecento una sorta di tornante, in cui le dinamiche socio-economiche, fino ad allora preponderanti nel definire le opportunità di mobilità, cedono il primato al fattore politico-istituzionale, ovvero al protagonismo delle nuove e più ampie formazioni che vanno adesso prendendo piede. In questa chiave la Lombardia, regione storicamente molto eterogenea, costituisce un caso di studio particolarmente interessante, dove l’avvento dello stato regionale impatta sui percorsi di ascesa e discesa sociale, dischiudendo canali e favorendo nuove rappresentazioni culturali della mobilità.
Nel complesso quello che emerge dalle ricerche che qui si presentano è un quadro ricco di suggestioni, che consente di ritematizzare su basi nuove e originali una grande questione della storia medievale.

La mobilità sociale nel Medioevo italiano, 2. Stato e istituzioni (secoli XIV-XV), a cura di A. Gamberini, Viella, Roma 2017, pp. 420.

31 gennaio 2017
Torna ad inizio pagina