Logo Università degli Studi di Milano


Dipartimento di

 
 
Notizie  

Video della lezione inaugurale del Master DH

Venerdì 6 marzo 2020 è stato inaugurato il Master di II livello in Digital Humanities, organizzato da Dipartimento di Studi Storici e Dipartimento di Informatica “Giovanni Degli Antoni” con l’importante collaborazione del Comune di Milano e di numerose altre aziende specializzate nel settore dell’Information Science, tra le quali Google Cultural Institute, Ebsco, ProQuest

Il Master mette a frutto le nuove competenze professionalizzanti per lo sviluppo del pensiero umanistico in ambiente digitale e, viceversa, del pensiero informatico in ambiente umanistico in un intreccio di saperi che, come ha sottolineato il Magnifico Rettore, professor Elio Franzini, nel suo messaggio inaugurale, è la sola via per immaginare lo sviluppo di una «nuova concezione della cultura».

L’inaugurazione – svoltasi in modalità a distanza attraverso un’aula virtuale messa a disposizione dal CTU di Ateneo – ha visto la partecipazione di Elio Franzini, Magnifico Rettore, Università degli Studi di Milano, Goffredo Haus, Prorettore delegato a Innovazione digitale, progetti strategici e speciali, Università degli Studi di Milano, Antonino De Francesco, Direttore del Dipartimento di Studi Storici, Università degli Studi di Milano, Silvana Castano, Direttrice del Dipartimento di Informatica, Università degli Studi di Milano, Roberta Cocco, Assessora a Trasformazione digitale e Servizi civici del Comune di Milano, Fabio Venuda, Coordinatore del Master Digital Humanities, Università degli Studi di Milano, Marcella Mattavelli, Responsabile Ufficio Gestione dei Beni del Patrimonio Culturale e Museale, Università degli Studi di Milano e Chiara Fauda Pichet, Cultural Institute Coordinator – Google Arts & Culture.

Le lezioni, inizialmente previste in presenza, proseguono in modalità a distanza secondo programma e con l’attiva collaborazione di tutti i partner del Master DH.

Informazioni di dettaglio al link https://www.masterdh.unimi.it/.

21 aprile 2020
Torna ad inizio pagina