Logo Università degli Studi di Milano


Dipartimento di

 
 

Beatrice Del Bo  

Beatrice Del Bo

Professore associato di Storia medievale
Associate Professor of Medieval History

È membro dei comitati scientifici della Collana “Temi di Storia” pubblicata dall’Editore FrancoAngeli e delle riviste “Studi di Storia Medioevale e Diplomatica” e “Bollettino della Società per gli studi storici di Cuneo”. È consulente dell’Università L. Bocconi di Milano per un ERC Advanced Grant sulle “Origini delle assicurazioni marittime nel Medioevo”. È membro del collegio dei docenti del Dottorato di ricerca in Storia, cultura e teorie della società e delle istituzioni dell’Università degli Studi di Milano. Fa parte di numerose associazioni scientifiche tra cui la Società Italiana delle Storiche, la Società Italiana di Demografia Storica e il Team di Ricerca Strategica Discriminazioni e Diseguaglianze dell’Università degli Studi di Milano.

Interessi di ricerca

Con taglio prosopografico, si occupa di storia della banca e del credito, di storia dell’artigianato e della manifattura urbana in età bassomedievale. Studia le aristocrazie e le corti rinascimentali, in particolare di area subalpina; per le sue ricerche in questo settore ha conseguito il primo premio Carbone (2010) per la monografia Uomini e strutture di uno stato feudale: il marchesato di Monferrato (1418-1483), Milano 2009. Gli interessi di studio più recenti vertono sulle categorie sociali discriminate: immigrati, forestieri e donne, con specifico interesse per le modalità di integrazione e per la cittadinanza.

Notizie  
copertina del volume

Cittadinanza e mestieri / a cura di Beatrice Del Bo

Lo studio della cittadinanza e dei mestieri come strumenti del radicamento dei forestieri, le modalità di inserimento degli immigrati nel tessuto politico, sociale ed economico come chiave di lettura per meglio comprendere il fenomeno dell’emigrazione

08 gennaio 2015
copertina del volume

Facino Cane / a cura di B. Del Bo e A.A. Settia

Predone, condottiero e politico. La fama di Facino Cane è legata soprattutto a una leggenda nera costruita dalla storiografia, che ne ha fatto un personaggio spietato e quasi diabolico, un drago impegnato a disseminare saccheggi, rapimenti, distruzione e morte. Il volume presenta il condottiero casalese sotto una luce nuova, contestualizzando il suo operato nell’ambito degli usi e dei costumi bellici del suo tempo.

01 settembre 2014
RSS
Torna ad inizio pagina