Logo Università degli Studi di Milano


Dipartimento di

 
 
Notizie  

AAIS Virtual Conference

logo AAIS

Roberta Cesana, Fabio Guidali e Irene Piazzoni partecipano al Congresso virtuale della AAIS (American Association for italian Studies), che si terrà dal 28 maggio al 6 giugno 2021.

Fabio Guidali è organizzatore e relatore del panel "OUR OTHER EPIDEMIC. HISTORICISING THE IMPACT OF HIV/AIDS IN ITALY" in programma il 1° giugno.

Description of the session:
From its first appearance forty years ago, HIV/AIDS has been an all-encompassing issue challenging not only personal and social habits, but also sexual, political and religious identities. In the midst of the Covid-19 pandemic, which raises similar questions regarding the meddling of the public in the private realm, the medicalisation of societies, and the need for global responses, the session wants to develop a multidisciplinary approach to investigate the Italian response to the spreading of the disease during 1980s and 1990s, and especially public policies, the dissemination of scientific knowledge, and the ways the epidemic was represented.

Organizer:
Fabio Guidali, University of Milan, fabio.guidali@unimi.it

Chair:
Fiammetta Balestracci, German Historical Institute of London, f.balestracci@libero.it

Panelists:
Fabio Guidali
(University of Milan), Facing the Unknown: Representation and First Response to HIV/AIDS in the Italian Press.
Enrico Landoni (eCampus University, Novedrate), The Italian Political Debate on HIV/AIDS and the First Public Policies.
Brian DeGrazia (Modern Language Association, New York), HIV/AIDS and the Italian Media in an International Context, 1988-1992.
Fiammetta Balestracci (German Historical Institute of London), Sexual Education and State Information in Italy During the First Aids’ Surge.
Giulia Sbaffi (New York University), Speaking from the Margin: Oral History in the Community of Italian Women Sex Workers and their Response to the AIDS/HIV Crisis.

Roberta Cesana e Irene Piazzoni sono organizzatrici e protagoniste del panel “DONNE ED EDITORIA NELL’ITALIA DEGLI ANNI SETTANTA: MODELLI DI STUDIO E PROSPETTIVE DI RICERCA” del 3 giugno 2021

Description of the session:
L’editoria italiana del secondo Novecento ha visto protagoniste numerose professioniste che hanno lavorato in diversi ruoli nella filiera del libro, spesso nell’ombra. Gli anni Settanta conoscono un salto di qualità, sulla scia delle trasformazioni sociali e del femminismo, confermandosi anche su questo fronte un decennio cerniera fra tradizione e modernità. Il panel intende proporre, in una prospettiva interdisciplinare, una riflessione su questo snodo, mettendo a fuoco fenomeni, figure, settori e risvolti emblematici, tra modelli editoriali e militanza, mediazione letteraria e imprenditoria, lavoro creativo e impegno sociale, valorizzazione della autorialità femminile e coinvolgimento nel dibattito culturale del tempo.

Organizers:
Roberta Cesana (University of Milan), roberta.cesana@unimi.it
Irene Piazzoni (University of Milan), irene.piazzoni@unimi.it

Chair:
Roberta Cesana (University of Milan), roberta.cesana@unimi.it

Panelists:
Irene Piazzoni
(University of Milan), “Una stanza tutta per sé”? La Tartaruga Edizioni tra militanza femminista e lavoro culturale.
Anna Ferrando (University of Pavia), Adelph(a)i: l’altra metà della luna nuova. Autrici e traduttrici per un eclettico editore.
Andrea Romanzi (University of Reading), Fernanda Pivano e gli anni Settanta: il consolidamento della diffusione della poesia Beat in Italia e i movimenti underground.
Laura Antonietti (Université Grenoble Alpes), «Vorrei invece dire delle condizioni dei manoscritti italiani»: Natalia Ginzburg lettrice editoriale in Einaudi negli anni Settanta.
Marta Sironi (ISIA Urbino), Grazia Nidasio la regina del fumetto italiano.

28 maggio 2021
Torna ad inizio pagina